La moda scende in campo per la sostenibilità e indossa T-shirt

A piedi nudi in passerella

foto ufficio stampa

Si è conclusa la settimana di Milano Moda Donna a/i 2013-14.
Per chiudere in bellezza, il Castello Sforzesco è stato teatro di un evento eccezionale, organizzato grazie al supporto della Moda Italiana. Sono state ben due le iniziative nate dalla partnership tra CNMI e Connect4Climate, un’iniziativa di cooperazione globale sulle tematiche inerenti comunicazione e cambiamenti climatici. L’iniziativa, presentata dal Cavalier Mario Boselli, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana e dal Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, si inseriva nel contesto della sfilata dei giovani talenti New Upcoming Designers (NUDE) e del concorso Next Generation, che ha visto trionfare l’unica Italiana in competizione: Isabella Zoboli.

“ICHANGE”, THE NEXT COMPETITION – Al termine della sfilata dei giovani stilisti il Ministro dell’Ambiente e il Presidente della CNMI hanno introdotto un video di presentazione e lanciato la competition “IChange”: C4C e TVN Media Group, con questo progetto invitano gli studenti delle facoltà di comunicazione di tutto il mondo a realizzare dei video “virali” che convertano in azioni concrete le idee contro il climate change. Subito dopo la proiezione si è svolta una breve sfilata per presentare delle T-shirt Limited edition “C4C & Camera nazionale della moda italiana” disegnate da giovani designer promossi dalla CNMI che hanno interpretato con la loro sensibilità e creatività lo spirito di C4C.

CONNECT4CLIMATE Nata nel 2011, promossa da World Bank, Ministero dell’Ambiente e GEF Global Environment facility, l’iniziativa C4C ha già dato vita ad una comunità globale che comprende 150 organizzazioni, tra cui: agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni non governative, private e il recente evento “Connectin for Climate: technology, Creativity, an Action” svoltosi a giugno 2012.


next-generation

Leggi anche
Fashion week dedicata a Franca Sozzani
Lamborghini accelera sul green
Dsquared2, back to the 90's
La diversità di Armani
Puro Emporio Armani
L' etno-chic di Max Mara





?>