Anteprima mondiale: roadster con motore elettrico

Mini Superleggera Vision

dal web

dal web

Un tocco retrò con soluzioni d’avanguardia, per un risultato che non passa inosservato. E al Concorso d’Eleganza Villa d’Este non sono mancati infatti gli applausi per la Mini Superleggera presentata in anteprima mondiale dalla carrozzeria Touring. Linee allungate e impostazione da barchetta, due posti secchi, una roadster sintesi delle indimenticabili Triumph e MG degli anni ’60 e ’70 più che della tradizione Mini. Ma di quest’ultima ha alcuni dettagli inconfondibili e il fascino intramontabile.

“In questa auto abbiamo sacrificato tutti gli equipaggiamenti e le decorazioni non necessarie”, sottolinea Louis de Fabribeckers, responsabile del design della Touring. Mentre gli fa eco il responsabile del design di Mini, Anders Warming, spiegando che “il cofano allungato di questa vettura, il passo lungo e sbalzi ridotti portano a pensare al puro divertimento di guida. Come in ogni Mini, le ruote sono disposte sui lati estremi della carrozzeria, fatto che promette un alto livello di agilità. L’abitacolo è leggermente arretrato, sottolineando ulteriormente l’impronta dinamica della vettura».

Sarà prodotta in serie? Purtroppo no. Anche se sognare non costa nulla e chissà che quanto visto sulle rive del lago di Como non arrivi un domani sull’asfalto di tutto il mondo.


Leggi anche
Nuova McLaren 570S Spider
L'estate infinita di Mazda
Mazda MX-5 RF: battesimo europeo
MINI Living al Fuorisalone 2016
La Mini più potente di sempre
4C Spider: il battesimo della strada





?>