Il resort di Santa Lucia e l’intramontabile fascino dei Caraibi

Le piscine infinite del Jade Mountain

Fa parte delle Piccole Antille e si trova a nord delle isole di Saint Vincent e delle Grenadine e a sud della Martinica. E’ l’isola di Santa Lucia, un pezzo di paradiso sulla Terra dove sorgono alcuni dei resort più belli dei Caraibi. Come il Jade Mountain, costruito sui 600 acri tropicali del resort Anse Chastanet, con due splendide spiagge di sabbia soffice e le due montagne vulcaniche simbolo dell’isola (Petit e del Gros Piton) a garantire una scenografia che toglie il fiato.

Press Office

Press Office

IMMERSI NELLA NATURA  – Interamente progettato da Nick Troubetzkoy, un architetto russo-canadese la cui passione per St. Lucia risale agli anni Settanta quando cominciò a dare il suo contributo alla realizzazione di alcune ville sull’isola, il Jade Mountain rispecchia pienamente la filosofia del suo ideatore: costruire in totale armonia con la natura circostante. Ecco allora grandi spazi dove camere da letto, aree living e straordinarie piscine private digradano una dentro l’altra creando piattaforme esclusive che sembrano galleggiare nella natura. Prive del “quarto muro” e con soffitti non più bassi di 15 piedi (circa 4 metri e mezzo), le stanze sono delle vere e proprie oasi dalle quali abbracciare con lo sguardo e con lo spirito tutta la gloria delle montagne Pitons e del mare caraibico.

TECNOLOGIA? NO GRAZIE – L’imperativo qui è “staccare la spina”, nel senso letterale del termine. Per questo tutte le “sanctuaries” del resort sono volutamente prive di orpelli tecnologici: niente telefoni, radio o televisione. L’accesso a internet è reso disponibile solo su specifica richiesta degli ospiti e l’uso del cellulare è consentito esclusivamente con la suoneria silenziata: tutto è insomma all’insegna del relax e della pace più rigorosi.

Press Office

Press Office

SANCTUARIES E SUITES – Costruite su altezze diverse e con una superficie che va dagli oltre 180 metri quadrati della “Sun” ai circa 130 metri quadrati della “Star”, sono ben 24 le sanctuaries dotate di piscina (“infinity pool”) e hanno un costo che va da un minimo di 1000 a un massimo di 2800 dollari circa a notte nella stagione che va dal 1° giugno alla fine di ottobre. Ad esse si aggiungono 5 Sky Suite, prive di piscina ma dotate di vasca Jacuzzi.
Servizio speciale per tutti gli ospiti: lezioni di yoga personalizzate o massaggi ayurvedici per sfruttare fino in fondo le potenzialità rigeneranti delle piscine del resort. Buona immersione a tutti.

(L.M.)


Leggi anche
The Brando, l'eco-resort dei primati
Alle Maldive si cena con Carlo Cracco
Barbados: due nuovi resort esclusivi
Relax a 5 stelle con la nonna chef
ImperialART: stanze come opere d'arte
5 stelle nel cuore delle Langhe





?>