L'arte per salvare i fondali e la vita sottomarina

A Cancun il più grande museo subacqueo

© 2014 Musa Cancun

© 2014 Musa Cancun

C’è qualcosa di sorprendentemente unico tra i fondali di Isla Mujeres, vicino a Cancun, in Messico. Si tratta delle 500 statue a grandezza naturale, realizzate dall’artista britannico Jason deCaires Taylor per il museo subacqueo MUSA (Museo Subacuàtico de Arte), di cui, 400 fanno parte della sezione “Silent Evolution”.

IL MUSEO – Il più grande museo sottomarino al mondo è stato fondato nel 2009 da Jaime Gonzales Cano del Parco Nazionale Marino, Roberto Diaz dell’Associazione Nautica di Cancun e Jason deCaires Taylor, scultore di professione ed esperto di fotografia sottomarina ed immersioni.
Il progetto di posizionare le numerose statue, realizzate in cemento a PH neutro e raffiguranti i membri della comunità locale, mira alla creazione di una barriera corallina artificiale che incoraggi i pesci e le piante marine a crescere e riprodursi.

UN PROGETTO AMBIZIOSO – I rinomati e splendidi fondali messicani subiscono ogni anno la pressione di 750.000 visitatori, appassionati di natura ed immersioni, contribuendo alla distruzione dell’ecosistema. La realizzazione delle statue, poste sul fondale, è stata certamente un’opera ambiziosa, come spiega l’artista Jason deCaires Taylor: “la strada è stata lunga – ci sono voluti 18 mesi, ha richiesto 120 tonnellate di cemento, sabbia e ghiaia, 3.800 metri di fibra di vetro, 400 chilogrammi di silicone, 8.000 miglia di nastro rosso, 120 ore di lavoro subacqueo e 250.000 dollari, oltre al fatto che, lavorando vicino alle mangrovie di Puerto Morelos, il team ha ricevuto più di 2.500 morsi di zanzara, punture di formiche rosse e più di 20 morsi di pesce Damigella, durante le installazioni in acqua”.
Gli sforzi, però, sono valsi la pena, perché hanno portato alla creazione, non solo di una straordinaria esposizione di opere d’arte, ma anche di un’idea di salvaguardia marina, dando ai pesci il giusto spazio per crescere e svilupparsi e ai turisti una nuova attrazione da visitare, senza intaccare la barriera naturale.

(A.M.)

Nella fotogallery alcune immagini del museo subacqueo e le sue opere.


Leggi anche
Un sogno chiamato Bassa California
Picasso e la modernità spagnola
Tutte le notti della storia dell'arte
L'Opera Prima di Roy Lichtenstein
“The Brando”: il resort entra in scena
Le spiagge più belle del 2014




?>