A Firenze degustazione e presentazione della vendemmia 2014

Brindisi con 100 champagne

press office

press office

Tempi record di crescita che non si registravano da 10 anni, quelli delle uve di Champagne. “Exploit – sottolineano gli esperti – in parte rallentato da un agosto freddo e umido, ma riconquistato grazie alla forte escursione termica tra il giorno e la notte che ha caratterizzato il clima nei giorni precedenti la raccolta. Le forti piogge di agosto hanno provocato un significativo aumento del peso dei grappoli, ma non hanno compromesso in alcun modo la salute delle uve. I vigneti, infatti, hanno permesso di raggiungere l’obiettivo di resa disponibile pari a 10.100 kg, consentendo di selezionare solo le migliori uve raccolte”. Che tradotto anche in altri termini, significa che i mosti rivelano una buona alcolicità potenziale media, acidità pronunciata e promettenti proprietà sensoriali.
A queste notizie si è brindato a Firenze durante la “Giornata Champagne 2014”, promossa dal Bureau du Champagne in Italia presso Palazzo Borghese. E che ha visto la presenza di 38 marchi e più di 100 cuvée.
La vendemmia 2014 è iniziata tra il 6 e il 20 settembre e si è conclusa una settimana fa. “Le rese per ettaro della vendemmia 2014 sono invariate rispetto a quelle dello scorso anno – afferma Thibaut Le Mailloux, Direttore della Comunicazione del Comité Champagne – Si tratta della conferma di una visione di lungo periodo che privilegia la qualità e non i volumi”.
L’evento fiorentino ha visto anche brindare alla decisione della Francia di proporre ufficialmente la candidatura di “Coteaux, Maison e cantine della Champagne” al Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco. Il verdetto sarà emesso nell’estate 2015.

F.I.


Leggi anche
Lo Schermo dell'Arte Film Festival
Pitti Uomo numero 90
Pizza e champagne a Villa Cora
Pink Cocktail Party al Bulgari
Il vino brinda con il design
La suite più frizzante del mondo




?>