A Milano la prima personale dell’eclettico artista

Giampiero Bodino si fa in otto

Affermato designer d’alta gioielleria, nonché direttore artistico di Richemont Group (ovvero Cartier, Officine Panerai e Baume & Mercier, fra gli altri), l’eclettico Giampiero Bodino si presenta ora a Milano in veste di pittore. Quella allestita alla galleria Fabbrica Eos, dal 16 ottobre al 30 novembre 2014, è la sua prima importante mostra personale.

Foto di Andrea Serafini

Foto di Andrea Serafini

Protagoniste dell’allestimento sono otto nuove creazioni su tela, opere di grandi dimensioni che ben rappresentano la cifra espressiva di Bodino e il suo linguaggio di esplicita ispirazione classica. Sono opere dalle dimensioni imponenti che “conducono il visitatore attraverso la semplicità e la nitidezza del segno, all’evocazione di un mondo che assume anche nei dettagli un profondo segno di elaborazione intima”.

Un meccanismo di intrecci e reciprocità lega le otto tele esposte: insieme suggeriscono un percorso di grande impatto emotivo. I soggetti dipinti dall’artista di origini torinesi che negli anni si è spostato da Roma a Milano, Londra e Parigi, sono persone e oggetti catturati nei momenti più diversi. E, come il titolo stesso della mostra (“Cabinet Privé”) lascia intendere, appartengono alla sfera personale di Bodino. “Nelle sue opere – commenta Giancarlo Pedrazzini, fondatore della galleria che ospita la mostra e vecchio amico di Bodino -, Giampiero coniuga e silenziosamente esalta il senso del Sempre, del tempo, della scultura, della luce e del bello inteso come ‘Vero’”.
(L.M.)

 

 

Cabinet Privé – Giampiero Bodino
16 ottobre 2014 – 30 novembre 2014
Milano, Fabbrica Eos
Piazzale Antonio Baiamonti, 2


Leggi anche
La Russia mai vista di Kandinskij
Monet, una grande mostra a Basilea
Luci e segreti firmati Piaget
Onde ed emozioni: gli scatti di Borlenghi
Le Cabinet de Curiosités a Bangkok
Alberto Giacometti: amore per l'umano




?>