I primi a entrare sono 2.300 dipendenti Conde Nast

Il nuovo One World Trade Center

È finalmente finito. Tredici anni dopo quel drammatico 11 settembre 2001, laddove sorgevano le Torri Gemelle è stato finalmente ultimato il nuovo grattacielo del World Trade Center.

Depositphotos  ViewApart

Depositphotos ViewApart

Il percorso che ha portato alla costruzione del nuovo edificio è stato in salita e tutt’altro che trasparente. Le battaglie sono iniziate non appena sono stati rimossi i detriti nel 2002 e, da allora, ci sono stati scontri oltre che sul costo, per il design, la sicurezza e anche il nome della struttura. Nonostante ciò la torre, questa meraviglia tecnologica di 104 piani, alto 541 metri (1776 piedi, come l’anno dell’indipendenza americana), è in piedi e calpestabile. I primi a calcare il suolo della Freedom Tower, come ufficiosamente è stata chiamata, sono stati i dipendenti della leggendaria rivista Conde Nast (Vogue, GQ, Vanity Fair), in totale 2.300 persone distribuite tra i 24 piani. Ci sono voluti 3,8 miliardi di dollari per colmare il vuoto lasciato dagli attacchi terroristici, ma ora il grattacielo è il più alto e il più sicuro di tutti gli Stati Uniti, come ha dichiarato Patrick Foye, direttore esecutivo di Port Authority, proprietaria dell’area su cui sorge il nuovo One World Trade Center. Per il 60% l’edificio è stato affittato al governo federale, ma tra i nuovi inquilini c’è anche l’agenzia Kids creative e il China center. (R.M.)


Leggi anche
Lotte World Tower, 555 metri di vertigine
Le donne di Gian Paolo Barbieri
Horst, il fotografo dello stile
Ferragosto: le mete preferite
La Moda secondo Mademoiselle C
Extraordinary Experiences




?>