A bordo dello yacht presentato al Boat Show di Fort Lauderdale

Pershing 70, il nuovo gioiello Ferretti

Pershing esce vincente dal recente Boat Show di Fort Lauderdale (30 ott – 3 nov ) indossando un diadema su cui risplendono ben tre yacht venduti in fiera. Il brand che firma la linea di imbarcazioni altamente performanti del gruppo Ferretti, continua quindi a far parlare di sé anche oltre oceano. Abbiamo visto da poco in Europa le news della nuova stagione presentate a Cannes prima e a Genova poi.

© Alberto Cocchi

© Alberto Cocchi

Tra queste il nuovo Pershing 70 su cui abbiamo fatto un breve giro, accompagnati dal comandante che parla della sua manovrabilità e performance con un entusiasmo palpabile e, pur restando sempre piuttosto tecnico, sembra che stare ai comandi dia le sue soddisfazioni. Non a caso proprio sui Pershing è ricaduta tempo fa anche la scelta di Valentino Rossi: un motivo ci sarà.
Lunga quasi 22 metri, larga 5, la barca ha 280 miglia nautiche di autonomia viaggiando a una velocità di crociera impressionante, pari a ben 40 nodi. Non stupisce d’altronde che le prestazioni del Pershing 70 siano da prima della classe e grazie a una coppia di motori MTU 10V 2000 M94, abbinati ad eliche di superficie con trasmissioni Top System 85P, si arrivano a toccare ben 46 nodi di velocità massima.
Quest’imbarcazione consolida l’offerta del marchio e offre caratteristiche che, pur lasciando il modello in perfetta coerenza con la family line, danno quel tocco in più che ne giustifica e ne rinforza l’esistenza:
1. Profili delle due ali laterali che rendono la percezione d’impatto completamente nuova
2. superficie vetrata in corrispondenza dell’inizio dei camminamenti a murata
3. il pozzetto che si estende per l’intera larghezza dello scafo
4. ampie finestrature a scafo all’altezza della zona armatoriale, come sul 62’
5. le dotazioni tecnologiche (alcune installabili su richiesta) come il sistema MOSFET, grazie al quale è possibile semplificare l’impianto elettrico e tutta la barca può essere comandata tramite display touch screen NAVIOP
6. grazie a una serie di schede di potenza, su richiesta, è possibile comandare e monitorare le singole utenze di bordo e visualizzare i dati barca
7. l’innovativo sistema d’interazione audio/video denominato VOTIS (Videoworks One Touch Infotainment System) che permette di controllare i sistema d’intrattenimento, d’illuminazione, la temperatura, la navigazione in internet, la condivisone audio/video nei singoli ambienti dell’imbarcazione grazie ad un iPad (su richiesta).

Lo yacht dispone di una serie di configurazioni che permettono all’Armatore di scegliere una o più personalizzazioni, adattandole alle proprie specifiche esigenze di vita a bordo.

© Alberto Cocchi

© Alberto Cocchi

GLI INTERNI – A partire dall’ingresso in pozzetto sul main deck, a colpire è la sensazione di spaziosità e fluidità. Le enormi vetrate all’interno fanno il resto rompendo la discontinuità esterno/interno tipica dei living tradizionali. Qui troviamo nel primo layout disponibile due aree a L, una dedicata al pranzo (con tavolo estensibile) mentre la seconda può essere configurata su richiesta, come zona bar (nel secondo layout). A dritta sempre a questo livello, troviamo la plancia di comando e di fianco sulla sinistra, le scale che portano sottocoperta. Scendendo troviamo quasi passante, la cucina, misurata ma molto capace, caratterizzata da una parete e una porta interamente trasparenti verso il corridoio interno. Scelta decisamente minimal ma con quel gusto per la praticità e l’azzardo che su un Pershing hanno di che avere parola. Sottocoperta, il primo layout è organizzato in tre cabine con tre bagni, e cucina, il secondo layout prevede cabina armatoriale e vip, una zona living di servizio e una cucina. In entrambi i casi la suite armatoriale e vip sono a tutto baglio. Finiture: il primo modello di questa nuova linea è caratterizzato dalle tonalità chiare del frassino e un laccato color antracite, profili dei cielini illuminati a led e molto bianco.

A firmare il 70, come del resto tutta la linea dei Pershing, la scattante matita di Fulvio De Simoni.

Claudia Ferrauto

Scheda tecnica
Lunghezza: 21,44 m
larghezza: 5 m
dislocamento: 47,34 t
motorizzazione: 2 x MTU 10V 2000 M 94 Potenza 1623 mhp/1193 kW a 2450 giri/min – TS 85P TOP SYSTEM
serbatoio carburante: 3500 l
serbatoio acqua: 900 l
velocità massima: 46 nodi
ospiti: 16 persone imbarcabili
prezzo: trattativa riservata


Leggi anche
Project Alba: 50 metri di meraviglie
Longitude 47, giovane e scattante
Ferretti: battesimo estivo per il nuovo CL108
CRN scommette con Paszkowski
Il battesimo di Azzam
Azimut Grande 95 RPH, doppio premio




?>