Vola fino a 38 nodi, motore da 320 cavalli

Il motoscafo Invictus 280GT

Cantiere nuovo e barca nuovissima. Parliamo di Invictus Yacht e del modello Invictus 280GT. Il cantiere di produzione è Ascanetz (CZ), già produttore per Sessa Marine e Sacs. Piccolo ma capiente, veloce ma confortevole, per le sue dimensioni questo è un natante ma ha tutta l’aria di poter dare del filo da torcere anche ai più “grandi”. Il cantiere italiano con questo lancio introduce una filosofia che vuole portare Invictus a presentare altre linee della casa pensate per i vari tipi di armatori, tra cui la stessa GT (piccoli cabinati), FX (sportivi) e TT (tender di lusso), che avremo modo di vedere più avanti.

© Andrea Muscatello

© Andrea Muscatello

Invictus Yacht apre le danze quindi con il modello 280GT e le cose che saltano subito all’occhio sono due: un profilo aggressivo e una spiaggetta generosa (0,84 x 2,3 m). Lungo 8,90 metri, largo 2,84, la versione standard è equipaggiata con un motore Volvo 5.7 V8 entrofuoribordo (max 320 HP/240 KW) e ospita fino a otto passeggeri. Entra in planata dopo pochi secondi, tocca i 38 nodi di velocità massima con ben cinque ore di autonomia (che aumentano a dieci se si porta l’Invictus ad una velocità di crociera pari a 21 nodi). In pozzetto lo spazio è misurato ma comodo e molto ben distribuito. Una piacevole  zona seduta a dritta, precede la timoneria. Alle spalle della postazione di comando si trova un mobiletto attrezzato che (su richiesta) può essere sede di una zona cottura open air per divertirsi a cucinare tra un tuffo e un bagno di sole. Le sedute per gli ospiti possono diventare una seconda area solarium, grazie allo schienale abbattibile, ampliando l’offerta a bordo che prevede già a prua la generosa zona  prendisole principale (2,42 x 2,2 m). Qui la mano del designer è evidente e parliamo infatti di Christian Grande che in  fatto di yacht di taglia media e piccola,  ha quel tipo di esperienza che lo rende un riferimento per questo settore.

La prua molto alta e dalla forma inconsueta (semi rovescia) è contrastata da una linea di poppa ampia e piatta che rende il profilo assolutamente originale. L’ancora è posizionata in basso, a vantaggio della stabilità e dell’estetica, ma raggiungere il salpa ancora è forse poco pratico. Le murate sono segnate da due lunghi occhi trasparenti che rendono lo spazio sottocoperta luminoso e piacevole. E’ un natante ma gode anche di una piccola cabina dotata del day toilette, ed offre così ai suoi armatori il favore di aggiungere, ai giri nelle calette, anche il lusso di una breve sosta in totale relax ed autonomia. Tra l’altro all’interno del cabinato è possibile inserire un angolo cucina coperto. Il tendalino è integrato e questo rende il suo uso molto pratico e veloce, ma soprattutto è totalmente a scomparsa quando non serve, lasciando gli spazi puliti e fruibili.

© Andrea Muscatello

© Andrea Muscatello

Si porta con facilità e prende immediatamente un assetto molto inclinato che non solo facilita la planata, ma rende anche ottimale la visuale (le sedute sono infatti posizionate molto in alto rispetto al camminamento). Grazie ai due flap a disposizione portare l’Invictus è divertente poiché la regolazione d’assetto e/o delle manovre è sempre a portata di ‘un click’ pur mantenendo la stessa velocità. Perfetto per chi ha una casa in riva al lago o sulla costa, in generale può essere un interessante entry level, anche se la sua vocazione più spontanea è senz’altro quella di fare da tender ad un superyacht. Unico possibile neo per gli armatori più smaliziati è la presenza di un solo motore anche se poi la  forte velocità e il prezzo ragionevole, lo rendono una tentazione cui sarà difficile resistere.

Diversi sono i punti a suo favore:
– sportivo, giovane ma dal piglio molto chic.
– ha il ponte in teak
– una strumentazione di bordo selezionata
– un parabrezza fasciante e ben calibrato
– una doppia seduta per il comando, molto alta che facilita la visuale.
– una cura per i dettagli glamour come le fughe del gommino di color grigio
– parabordi eleganti e custom, ma anche molto pratici (hanno una sede configurata dove essere riposti)
– sono previste (su richiesta) comode borse custom per imbarcare il necessario restando ‘in sintonia’ con lo stile del piccolo open
– nel layout standard sono disponibili ben quattro colori per lo scafo (Vanilla Sea, Attack Grey, Dark Wood e il Personal White)
– diversi i particolari a bordo sono  personalizzabili (accessori e/o equipaggiamento).

Claudia Ferrauto

SCHEDA TECNICA
Lunghezza: 8,9 m
Larghezza: 2,84 m
Pescaggio 0,90 m
Peso: 2.800 kg
Serbatoio Carburante: 450 l
Serbatoio Acqua: 70 l
Motorizzazione Volvo V8 320 cv cilindrata 5.7
Velocità massima: 38 nodi
Ospiti : porta fino ad 8 persone
Prezzo: 94.700 € +IVA


Leggi anche
Project Alba: 50 metri di meraviglie
Ferretti: battesimo estivo per il nuovo CL108
CRN scommette con Paszkowski
Il battesimo di Azzam
Azimut Grande 95 RPH, doppio premio
Pershing 70, il nuovo gioiello Ferretti




?>