La nuova scommessa dei cantieri Oceanco

Primadonna, di nome e di fatto

Parla olandese, veste italiano ed è il nuovo superyacht di uno dei cantieri più blasonati al mondo: Oceanco. Solo il nome fa tremare. Sono davvero pochi i brand che possono tenergli testa, giusto quindi che l’ultimo progetto – nome in codice DP028 – sia una “Primadonna” di nome, ma ci sono i presupposti perché lo sia anche di fatto. L’exterior design porta la firma di quelli di Hot Lab, studio milanese che sta facendo rotta nel settore dei megayacht da un po’ e che, con un balzo inatteso quanto meritato, è salito a bordo di un’avventura mozzafiato con i leader del segmento dei luxury yachts.

Ufficio Stampa

Ufficio Stampa

LE DIMENSIONI – Lunghezza pari a 110 metri, cinque ponti, Helipad touch-and-go, la piattaforma già collaudata è di Oceanco che firma per questo progetto anche l’architettura navale. Le linee che ne definiscono il profilo sono di Hot Lab mentre gli interni sono di TBD. Scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, insomma i capricci a bordo ci sono, ma la costruzione punta su un binomio classico in piena sicurezza.

FUORI E DENTRO – Finestrature continue marcano i ponti, giocando sul vuoto per rimarcare ‘il pieno’, mentre la linea di chiusura di tutti i livelli ‘muore’ assottigliandosi in un becco slanciato e sottile che dà a questo yacht di dimensione extra, un look accattivante e sportivo. Bello il segno laterale che caratterizza il profilo del main deck da centro barca a poppa. Particolare la soluzione di chiusura a poppavia nel lower deck: una zona relax utilizzabile in ogni stagione. La beach area è infatti totalmante vetrata e apribile per godere del contatto con il mare e/o con l’aria anche durante una piacevole seduta di idromassaggio in pieno inverno mentre scorre l’acqua della cascata proveniente dalla piscina sovrastante.

Gli interni dispongono di una master suite con lounge privata , una zona gym, piscina all’aperto, due cabine ospiti e sei cabine vip (in quattro di queste ci sono balconi privati). A bordo possono soggiornare 18 ospiti e ben 40 membri dell’equipaggio. Per ora non possiamo dare altri dettagli: una Primadonna si sa, si fa sempre attendere!

Claudia Ferrauto

Scheda tecnica
Lunghezza: 110m
Larghezza: 18.0m
Velocità massima: 18,5 nodi
Motorizzazione: 4×4,290hp/3,200kW MTU 20V 4000M73
Prezzo: trattativa riservata


Leggi anche
48 metri per conquistare il Mediterraneo
Navetta 37, la più grande Custom Line
X-Ballet: 92 metri eleganti e capricciosi
Azimut Grande 95 RPH, doppio premio
A bordo del 64 Fly "S"
Monaco Yacht Show 2014





?>