I capolavori dell'artista francese in mostra alla Fondation Beyeler

A Basilea per il sublime Gauguin

Se cercavate un valido pretesto per fare un salto a Basilea, magari programmando la trasferta nei giorni del popolare Salone Mondiale dell’Orologeria (Baselworld, dal 19 al 26 marzo), eccovi serviti. Alla Fondation Beyeler, fino al prossimo 28 giugno, è ”di scena” Paul Gauguin (1848–1903), la più prestigiosa mostra dell’artista francese realizzata in Svizzera negli ultimi 60 anni.

Photo by Mark Niedermann

Photo by Mark Niedermann

Frutto di una preparazione durata oltre 6 anni, la rassegna ospita circa 50 capolavori, fra dipinti e sculture provenienti dalle più importanti collezioni di Gauguin del mondo. Si tratta di prestiti che giungono da ben tredici nazioni: Svizzera, Germania, Francia, Spagna, Belgio, Gran Bretagna, Inghilterra, Scozia, Danimarca, Ungheria, Norvegia, Repubblica Ceca, Russia, USA e Canada.

Oltre agli autoritratti e alle opere visionarie del periodo bretone, la mostra ospita i celebri quadri realizzati da Gauguin a Tahiti, sintesi perfetta della sua visione di un mondo esotico in cui si fondono natura e cultura, misticismo ed erotismo, sogno e realtà.
L’esposizione, di grande impatto emotivo, prevede anche uno spazio multimediale pensato per tematizzare la biografia dell’artista e le sue opere principali, testimonianze straordinarie di un uomo alla perenne ricerca di un paradiso perduto e di un’esistenza trascorsa tra mondi e culture e animata da passione e spirito d’avventura.

© The Pushkin State Museum of Fine Arts, Moscow

© The Pushkin State Museum of Fine Arts, Moscow

“Non solo come artista, ma anche come uomo, Paul Gauguin fu una personalità affascinante – sottolinea Sam Keller, direttore del museo. – Siamo felici di essere riusciti a riunire a Basilea i suoi capolavori che arrivano da tutto il mondo. Persino per la Fondation Beyeler, riconosciuta internazionalmente per la qualità delle sue mostre, si tratta di una vera e propria sensazione“. (L.M.)


Leggi anche
Monet, una grande mostra a Basilea
La pittura di Marlene Dumas a Basilea
Con Tag Heuer è tempo di correre
Orologi: la parola d'ordine è stravaganza
Le lancette si mettono la pelliccia
Con Aviator in volo su Basilea





?>