Una grande retrospettiva alla Fondation Beyeler

La pittura di Marlene Dumas a Basilea

E’ una delle pittrici più interessanti e influenti della scena contemporanea e dal 31 maggio al 6 settembre 2015 è la protagonista di un’imperdibile mostra ospitata dalla prestigiosa Fondation Beyeler di Basilea. Si tratta della più completa retrospettiva su Marlene Dumas ma allestita in Europa.

The Widow, 2013 - 2 parts, oil on canvas, 60 x 80 cm; Defares Collection  © Marlene Dumas / Photo by Peter Cox, © 2015, ProLitteris, Zurich

The Widow, 2013 – 2 parts, oil on canvas, 60 x 80 cm; Defares Collection
© Marlene Dumas / Photo by Peter Cox, © 2015, ProLitteris, Zurich

L’esposizione è incentrata sull’approccio della pittrice residente ad Amsterdam con la rappresentazione della figura umana e offre una panoramica unica sulla sua produzione dalla metà degli anni 1970 fino a oggi. Insieme ai dipinti più importanti, di carattere iconico, si potranno ammirare dei collage sperimentali del primo periodo così come pure alcuni quadri recentissimi.

Genetiese Heimwee / Genetic Longing, 1984, Oil on canvas, 130 x 110 cm, Van Abbemuseum, Eindhoven © Marlene Dumas / Photo by Peter Cox, © 2015, ProLitteris, Zurich

Genetiese Heimwee / Genetic Longing, 1984, Oil on canvas, 130 x 110 cm, Van Abbemuseum, Eindhoven © Marlene Dumas / Photo by Peter Cox, © 2015, ProLitteris, Zurich

Brillante sintesi di immediatezza e intimità i ritratti singoli e di gruppo della Dumas appaiono ricchi di toni e contrasti e alternano colori carichi di espressività a sfumature quasi trasparenti. Per i dipinti e gli acquerelli la pittrice di origini sudafricane ma residente ad Amsterdam attinge a un suo personale archivio iconografico che comprende sia foto storico-artistiche che scatti privati di famiglia, materiale che Marlene Dumas trasforma in dipinti inquietanti, avvincenti e toccanti: ciò che la fotografia congela nel tempo viene risvegliato a nuova vita nella sua pittura. (L.M.)

Fondation Beyeler, Basilea
Marlene Dumas
31 maggio 2015 – 6 settembre 2015


Leggi anche
Monet, una grande mostra a Basilea
Con Tag Heuer è tempo di correre
Orologi: la parola d'ordine è stravaganza
A Basilea per il sublime Gauguin
Le lancette si mettono la pelliccia
Con Aviator in volo su Basilea





?>