In Puglia per il battesimo dei due nuovi modelli

Alla guida di Volvo V90 e Volvo S90

Siamo saliti a bordo della Volvo V90 e della Volvo S90, gli ultimi due modelli berlina e station wagon della casa svedese in arrivo nelle concessionarie da metà ottobre 2016. Grande attesa, interesse e preordini già significativi per questi due salotti viaggianti che con la mastodontica VC90 hanno in comune molte caratteristiche, tra cui il pianale.

© Volvo Car Italia / Foto Francesco Vignali

© Volvo Car Italia / Foto Francesco Vignali

Noi le abbiamo provate in una due giorni ospitata in un suggestivo territorio, partendo da Bari, fermandoci a Trani e strizzando l’occhio alla sua stupenda cattedrale, per poi proseguire ad Altamura e ancora Bari, spingendo a fondo l’acceleratore tra i saliscendi e i tornanti dell’altopiano delle Murge.

A regime le motorizzazioni andranno dal D3 da 150 cv fino ad arrivare al T8 ibrido da 407 cavalli AWD. Al lancio i motori sono i D4 190 cv, D5 AWD 235 cv, T5 AWD/FWD da 254 cv e T6 AWD 320 cv, tutti automatici. I prezzi vanno da 44.900 euro chiavi in mano della D3 fino ai 70.540 euro della T6 AWD Geartronic nella versione Inscription.

Tantissime le novità, a iniziare dall’eliminazione quasi totale dei tradizionali pulsanti, sostituiti da un generoso touch screen di ultima generazione con cui si accede a tutte le funzioni, dal sound alla connettività davvero al top del segmento. Il motore si avvia con un originalissimo joystick: basta avere il telecomando in tasca o riposto nello spazio ad hoc ricavato del vano portaoggetti della consolle centrale.

© Volvo Car Italia

© Volvo Car Italia

Che dire poi dell’impianto di condizionamento a 4 zone, con possibilità di regolazione touch anche per gli ospiti sui sedili posteriori, del Pilot Assist fino a 130 km/h, del Run-off Road Mitigation, del City Safety attivo sia di giorno che di notte con anche il Large Animal Detection – tutti di serie insieme ad altre numerose funzionalità – oppure degli optional tra cui Adaptive Cruise Control, Distance Alert, Driver Alert Control, telecamere a 360°, Park Assist Pilot.
Il Pilot Assist fino a 130 km/h provato nella tratta autostradale Bari-Trani dimostra il percorso graduale che Volvo sta facendo in vista delle auto a guida autonoma (se ne parlerà abbondantemente dopo il 2020 per soluzioni concrete e in totale sicurezza, dicono in Volvo). Azionando il comando l’auto va effettivamente “da sola”, a condizione necessaria che le strisce longitudinali sull’asfalto siano ben visibili. Se si tolgono le mani dal volante (l’auto gira tranquillamente in curva da sola o rallenta in caso di vetture che precedono a velocità inferiore alla nostra) per più di 10 secondi, un segnale sonoro e visivo avverte di toccare il volante… In caso contrario il Pilot Assist si disattiva, proprio per evitare distrazioni da parte del conducente, che invece è appunto “assistito” ma non “sostituito” dalle soluzioni avanzate Volvo.

© Volvo Car Italia / Foto Francesco Vignali

© Volvo Car Italia / Foto Francesco Vignali

Estremamente comodi i nuovi sedili che ricordano di profilo la colonna vertebrale umana, così come caratteristici e inconfondibili restano i fanali “a martello di Thor”. Insomma, quando si sale su una Volvo S90 o V90 non si ha poi più tanta voglia di scendere… Sensazione condivisa anche da molti italiani che stanno premiando la Casa con acquisti e vendite più che confortanti, tanto da prevedere tempi di attesa fino a circa 4 mesi per questi nuovi modelli. Del resto l’esclusività – molto personalizzabile con S90 e V90 – pretende il giusto tempo di attesa. (F.I.)


volvo-s90-e-v90-…iano-delle-murge

Leggi anche
Range Rover Velar: a tutta tecnologia
La prima Cosy Night del Salento
P1, collaudo al Circolo polare
Design, le 10 case più belle
La migliore vacanza? Italiana




?>