Fondation Beyeler celebra il padre dell'impressionismo

Monet, una grande mostra a Basilea

In occasione del suo 20° anniversario la Fondation Beyeler di Basilea propone un’intera grande mostra (22 gennaio – 28 maggio 2017) dedicata al padre dell’impressionismo, Claude Monet.

Monet / In the "Norvegienne", 1887 Oil on canvas, 97,5 x 130,5 cm Musée d'Orsay, Paris, legacy of Princesse Edmond de Polignac, 1947 Photo: © RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski

Monet / In the “Norvegienne”, 1887 Oil on canvas, 97,5 x 130,5 cm
Musée d’Orsay, Paris, legacy of Princesse Edmond de Polignac, 1947
Photo: © RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski

Autentica festa di luce e colori, la mostra è esaltata dai magnifici spazi museali della Beyeler progettata dal nostro Renzo Piano e racconta il periodo compreso tra gli anni successivi al 1880 e gli inizi del XX secolo, toccando anche la produzione tarda del pittore francese e aprendo una prospettiva vivace e talora inaspettata su quel mago dell’immagine che ancora oggi influenza la nostra percezione visiva di natura e paesaggio.

Claude Monet, Jean-Pierre Hoschede et Michel Monet au bord de l'epte, UM 1887-90 Oil on canvas, 76 x 96,5 cm National Gallery of Canada, Ottawa, Gift of the Saidye Bronfman Foundation, 1995 Photo: © National Gallery of Canada

Claude Monet, Jean-Pierre Hoschede et Michel Monet au bord de l’epte, UM 1887-90
Oil on canvas, 76 x 96,5 cm National Gallery of Canada, Ottawa, Gift of the Saidye Bronfman Foundation, 1995
Photo: © National Gallery of Canada

In esposizione 62 opere giunte dai maggiori musei europei, americani e giapponesi, tra cui il Musée d’Orsay di Parigi; il Metropolitan Museum e il Museum of Modern Art di New York; il Museum of Fine Art di Boston; la Tate di Londra. Un nucleo di particolare rilevanza raccoglie 15 dipinti provenienti da diverse collezioni private ed esposti molto raramente al pubblico.

Monet / La Cabane Du Douanier, 1882 Oil on canvas, 61 x 75 cm Harvard Art Museums/Fogg Museum, Bequest of Annie Swan Coburn, 1934 Photo: Imaging Department © President and Fellows of Harvard College

Monet / La Cabane Du Douanier, 1882
Oil on canvas, 61 x 75 cm Harvard Art Museums/Fogg Museum, Bequest of Annie Swan Coburn, 1934
Photo: Imaging Department © President and Fellows of Harvard College

Fra le tele esposte ci sono quelle, celebri, che riguardano i suoi paesaggi mediterranei, le coste selvagge dall’Atlantico, le acque della Senna, i prati fioriti, i covoni di fieno, le ninfee, le cattedrali e i ponti avvolti nella nebbia. Nei suoi quadri Monet sperimentò con il mutevole gioco di luce e colore lungo l’arco della giornata e delle stagioni. Attraverso riflessi e ombre riuscì a evocare atmosfere magiche e sospese, imponendosi come un grande pioniere dell’arte, colui che trovò la chiave verso il giardino segreto della pittura moderna, dischiudendo agli occhi di tutti una nuova visione del mondo.


Leggi anche
La pittura di Marlene Dumas a Basilea
Con Tag Heuer è tempo di correre
Onde ed emozioni: gli scatti di Borlenghi
Orologi: la parola d'ordine è stravaganza
A Basilea per il sublime Gauguin
Le lancette si mettono la pelliccia





?>