Il fascino intramontabile di Courmayuer e Cervinia

Neve, shopping e gourmet

Sciare a gennaio si può, e con grande soddisfazione viste le previsioni meteo e neve annunciate per i prossimi weekend. Un fine settimana a Courmayeur o a Cervinia, per esempio, può essere un’ottima occasione per coniugare l’attività sciistica con il relax e i piaceri della cucina valdostana.

Courmayeur Mont Blanc Funivieì
Attraverso pendii mozzafiato e discese di neve fresca sono diversi gli itinerari fuoripista che dall’arrivo della funivia, in pochi minuti di cammino, portano verso Courmayeur e Chamonix. Dalla mitica Vallée Blanche, un affascinante percorso di circa 20 km sul versante francese, che si snoda lungo l’imponente lingua di ghiaccio della Mer de Glace, al ghiacciaio del Toula, fuoripista tutto italiano, il divertimento è assicurato. Per chi vuole prendersela con calma, invece, c’è il campo ciaspole del Pavillon du Mont Fréty a 2.173 m. (1° stazione Skyway Monte Bianco).

L’escursione in Funivia sul Tetto d’Europa inizia invece a Pontal d’Entrèves (1.300 m.), frazione di Courmayeur: in quattro minuti gli impianti di risalita conducono alla prima stazione, il Pavillon du Mont Fréty, a 2.173 metri di altezza. Qui c’è l’Oasi Naturalistica che ospita il giardino alpino Saussurea, il più alto d’Europa, oltre che un’ampia terrazza solarium e un’attrezzata rete di sentieri che consente di passeggiare fino ai ghiacciai.

Breuil-Cervinia
Il comprensorio Breuil-Cervinia (2.050 m.) che Con i suoi circa 3 metri e mezzo di neve il comprensorio di Cervinia è la capitale indiscussa dello sci. Qui la stagione invernale dura oltre 6 mesi: la più lunga della Valle d’Aosta. Impianti moderni e veloci garantiscono il collegamento con Valtournenche e Zermatt (Svizzera), facendo del comprensorio del “Cervino Ski Paradise” un vero e proprio paradiso della neve. La storia dello sci a Cervinia inizia ottantuno anni fa, con la prima funivia Cervinia-Plan Maison (inaugurata nel 1936), mentre la località si era già fatta conoscere come culla dell’alpinismo eroico a partire dal 1865, anno della prima salita al Cervino.

Diverse le novità riservate a chi scia. Skiline (www.skiline.cc), il portale della neve più importante al mondo, consente di registrare il proprio numero di skipass e vedere anche sugli smartphone le proprie prestazioni, a partire dai chilometri di piste percorsi e dai dislivelli affrontati.

A Cervinia tutto è vicino e raggiungibile a piedi, anche gli impianti, consentendo di lasciare l’auto in garage. Il paese è un piccolo agglomerato di case e alberghi, moderni e spesso dotati di SPA e area wellness. Relax e rigenerazione assicurati, insomma, anche per chi non vuole sciare. Tante anche le opportunità offerte per il doposci, dallo shopping nella centrale via Carrel ad un aperitivo valdostano, da una visita al museo delle Guide Alpine ad una cena tipica nei tanti rufugi e ristoranti della zona.

Info e prenotazioni:
www.cormayeurmontblanc.it
www.cervinia.it

 

 


Leggi anche
Il vintage sulla neve dell'Alta Badia
La nuova perla della Valle d’Aosta
Pablo Picasso a Forte di Bard
Un paradiso tra le alpi svizzere
Massaggi da Gran Paradiso
In pista col calice di cristallo




?>